bagno piccolo

Avere un bagno piccolo all’interno della vostra casa non deve essere visto per forza come un punto di debolezza o come un elemento negativo.

All’interno di questo articolo potrete trovare dei piccoli spunti e consigli da tenere in considerazione se avete intenzione di ristrutturare il vostro piccolo bagno e renderlo perfettamente funzionale, con tutte le tipologie di confort necessarie, senza però rinunciare alla loro bellezza. Se invece, non avevate mai pensato di ristrutturare questa parte della vostra casa, questo articolo potrebbe far nascere in voi la voglia di cambiare qualcosa.

Bagno piccolo soluzioni salvaspazio

Il primo punto sul quale bisogna soffermarsi è sicuramente la forma del vostro bagno: numerosissime saranno le forme rettangolari che in molti hanno soprannominato il “bagno corridoio”, ossia il classico bagno anni ’70 che si sviluppa tutto in lunghezza.

Altra tipologia che rientra in questa categoria, potrebbe essere anche il bagnetto di forma quadrata senza nessuna finestra.

Ma entriamo nel cuore della questione.

Bagno piccolo: i sanitari

Sicuramente uno dei lavori principali è legato alla sostituzione dei sanitari: per recuperare il più possibile spazio, si può optare per dei sanitari a terra filo muro o sospesi con la cassetta dello scarico wc incassata nel muro.

Nel caso in cui non fosse possibile incassarla (muro di mattoni pieni/muro estremamente sottile/…) si può tranquillamente realizzare un muretto retrostante i sanitari di spessore 8-10 cm nel quale verranno a loro volta incassate tutte le parti.

Con questo lavoro occuperemo più spazio in profondità (60cm circa), ma nel caso fosse un problema si può optare per sanitari con profondità ridotta pari a 50-48cm. Questa tipologia di muretto, oltre a permettere di nascondere tutta la parte legata allo scarico, risulta diventare anche un piccolo piano di appoggio utilissimo specialmente in queste situazioni in cui lo spazio è ridotto. Attenzione! Il muretto in questione non è assolutamente da confondere con i diffusissimi muretti divisori che si usavano molto spesso negli anni passati per dividere/nascondere parti all’interno del bagno.

Un altro consiglio è sicuramente quello di eliminare ogni parte muraria superflua che spezza la visione d’insieme dell’ambiente come i muretti bassi che nascondono i sanitari, oppure i muri divisori che si utilizzano per doccia in nicchia.

La doccia nei bagni piccoli

All’interno dei bagni piccoli, un elemento in particolare potrebbe diventare difficile da collocare: la doccia.

Sicuramente non sarà possibile installare una doccia enorme, ma se prestate attenzione ad alcuni accorgimenti, potrebbe essere molto più semplice unire dimensioni ampie con spazi ridotti.

Il piatto doccia in resina o in ceramica alto 3cm rappresenta una soluzione, in quanto grazie alla sua altezza ridotta e anche alla possibilità di installarlo filo pavimento, risulta molto meno visibile ed elimina qualsiasi tipo di sensazione di interruzione del pavimento.

Nel caso si optasse per la resina, consigliamo di scegliere un colore simile al pavimento o al rivestimento della doccia in modo da renderlo maggiormente un tutt’uno con le parti adiacenti.

Altro consiglio, sempre legato alla zona doccia è sicuramente la scelta del vetro: preferire finiture trasparenti e telai il più possibile ridotti, aiuterà a dare l’illusione di spazio più grande senza divisioni nette. Nel caso dei “bagni corridoio”, consigliamo l’installazione della doccia al fondo in modo da sfruttare il più possibile la parte più prossima alla porta.

Il lavabo nei bagni piccoli in base alle esigenze

Parlando invece di lavabo e lavandini per bagno, le opzioni possono essere diverse a seconda dell’esigenza di avere spazio per la biancheria da bagno e i vari accessori.

Nel caso si abbia bisogno di tutto lo spazio possibile, il consiglio è quello di scegliere un mobile bagno a terra, non sospeso in modo da sfruttare tutta l’altezza del mobile e di specchiere contenitore.

Inoltre, è possibile scegliere tra innumerevoli possibilità e combinazioni che giocano anche su profondità ridotte come 36cm.

Nel caso in cui, invece, un mobile capiente non sia estremamente necessario, si può optare per piccoli top con ciotole in appoggio oppure addirittura lavandini freestanding!

Come ci si scalda in un bagno piccolo

Un’altra piccola accortezza, potrebbe essere l’installazione di uno scaldasalviette sopra il bidet: in questo modo si sfrutta una zona sia come porta asciugamani sia per la sua funzione essenzialmente termica.

Nel caso in cui abbiate optato per il muretto dietro i sanitari, si può tranquillamente andare a inserire uno scaldasalviette installato orizzontalmente sopra il muretto stesso.

Tipi di porta e colorazioni per ingrandire un bagno minuto

In conclusione, altri due piccoli consigli possono essere legati alla porta e ai colori utilizzati. Se si ha la possibilità, si potrebbe pensare di sostituire la classica porta battente con una a scrigno o scorrevole esternamente su carrelli a muro.

Per la scelta dei colori è ormai risaputo che tutta la gamma più chiara permette agli ambienti anche più piccoli di risultare più grandi, ma allo stesso tempo, l’utilizzo di colori più scuri o brillanti con la tecnica del color-block, renderanno il tuo bagno molto d’impatto e accogliente.